Home » ENPAM INPGI Dismissioni

ENPAM INPGI Dismissioni

ENPAM- 20 giugno 2013 iniziata la dismissione

Enpam. Parte nella Capitale la dismissione del patrimonio immobiliare

Il primo lotto messo in vendita è costituito da cinque edifici a Roma, per un totale di 300 appartamenti (su 4.500 posseduti nella capitale). Oliveti: “Un piano di dismissione studiato per potere reinvestire il ricavato in modo più redditizio”. Lo scorso 22 maggio l'intesa con i sindacati degli inquilini. 

20 GIU - “Il piano di dismissione degli immobili abitativi romani è stato studiato per potere reinvestire il ricavato in modo più redditizio. La vendita dei primi 300 appartamenti oltre a garantirci un immediato e consistente risparmio sull’Imu è il primo passo di una strategia che ci permetterà di continuare a pagare pensioni adeguate agli iscritti anche nel lungo periodo”.
 
È quanto ha affermato Alberto Oliveti presidente dell’Enpam annunciando l’inizio dell’operazione di dismissione del patrimonio immobiliare nella Capitale.
 
Ad occuparsi della cessione sarà la società Enpam Real Estate (E.R.E. srl), incaricata dalla stessa Fondazione Enpam. Sulla base della procedura stabilita di comune accordo con gli inquilini già residenti, la Ere mette in vendita gli interi complessi immobiliari, da cielo a terra.
 
Il bando per la vendita dei primi cinque immobili, iscritti a bilancio per un valore di circa 34 milioni di euro, è stato pubblicato stamattina sui siti internet www.enpam.it e www.enpamre.it . I bandi relativi ai prossimi lotti verranno pubblicati in seguito.
 
Gli inquilini potranno presentare la loro offerta d’acquisto dando vita a soggetti giuridici collettivi (ad esempio cooperative). Sottoscrivendo la proposta, i futuri proprietari aderiranno anche alle clausole sociali inserite dalla Fondazione. Queste condizioni assicureranno la conservazione del contratto di locazione agli inquilini che non possono permettersi di acquistare e tuteleranno il posto di lavoro dei portieri attualmente impiegati negli stabili.
 
Il primo atto della dismissione del patrimonio immobiliare della Fondazione avviene a meno di un mese di distanza dall’accordo che Enpam ha sottoscritto con i sindacati degli inquilini per chiudere le controversie in atto e avviare la dismissione in modo rapido e socialmente accettabile. L’intesa, del 22 maggio scorso, ha definito i problemi legati agli affitti arretrati e al rinnovo dei contratti di locazione in essere.
 
I cinque immobili che fanno parte del primo lotto in vendita sono:
 
· il complesso in via degli Estensi 91/93, acquistato nel 1961, situato nel quartiere Bravetta;
 
· il fabbricato in via Attilio Friggeri 131, acquistato nel 1962, situato nel quartiere Balduina;
 
· il fabbricato in via Marco Celio Rufo 12, acquistato nel 1965, situato nel quartiere Tuscolano;
 
· il fabbricato in via Canton 49, acquistato nel 1984, situato nel quartiere Torrino;
 
· il fabbricato in via Francesco Tovaglieri 185, acquistato nel 1986, situato nel quartiere Tor Tre Teste.

 

Portieri stabili ENPAM

Il Segretario Generale della FEDER.CASA CONFSAL Gianluigi Pascoletti, ha scritto al Presidente dell'ENPAM Dr. Alberto Oliveti per chiedere l'estensione del diritto di prelazione anche per gli immobili utilizzati come alloggio di servizio dei portieri agli stessi.

I portieri rischiano in un sol colpo di perdere il posto di lavoro e l'alloggio di servizio e, pertanto, si chiede di integrare l'Accordo del 2012 sulle dismissioni con la concessione del diritto di prelazione ai portieri.

Inoltre, il Segretario Generale ha chiesto un chiarimento circa un comunicato sindacale della Filcams CGIL che dichiara che la Presidenza dell'ENPAM li avrebbe indirizzati al CONIT Casa in quanto, lo stesso, si occupa di gestire la dismissione del patrimonio immobiliare dell'ENPAM.

Considerato che gli inquilini ENPAM sono LIBERI di aderire a un soggetto collettivo (si presuppone cooperativa o altro) e considerato che il CONIT Casa è una delle cooperative alle quali gli inquilini hanno aderito ma non l'unica, serve un chiarimento da parte dell'ENPAM.

Leggi la lettera in allegato. 

Importante Accordo integrativo 22 maggio 2013

Importante Accordo integrativo 22 maggio 2013 - FEDER.CASA ROMA

Nota integrativa all'Accordo Territoriale di Roma dell'11.05.2011

Enpam – Sindacati inquilini

A seguito del lavoro della commissione Paritetica ENPAm/OO.SS. degli inquilini, oggi 22 maggio 2013 la Fondazione Enpam e i rappresentanti delle Organizzazioni sindacali firmatarie dell’Accordo territoriale dell’11/05/2011, SUNAI, SICET, UNIAT, UNIONE INQUILINI, ASSOCASA, FEDER.CASA CONFSAL hanno sottoscritto la "Nota integrativa all'Accordo dell'11 maggio 2011.

La FEDER.CASA ritiene che si tratti di un'importante passo in avanti per definire tutte le posizioni critiche e far partire la vendita degli stabili ENPAM in quanto la suddetta "Nota" ha affrontato le problematiche inerenti a:Efficacia delle disdette contrattuali; Arretrati relativi a contratti di locazione scaduti; Contratti a Canone Libero in corso; Procedimenti di sfratto per morosità;

I nostri uffici sono a disposizione per dare ulteriori informazioni sugli accordi raggiunti.

In allegato il testo della nota

Comunicato 22 maggio 2013 Organizzazioni Sindacali Inquilini - ENPAM

 

Comunicato congiunto allegato alla nota integrativa all’accordo Enpam - OO.SS. degli inquilini

del 22 maggio 2013

 

La Fondazione Enpam e le OO.SS. degli inquilini Sunia, Sicet, Uniat, Unione Inquilini, Feder.Casa e Assocasa, a seguito del lavoro svolto in seno alla commissione paritetica - costituita si richiesta delle OO.SS. per esaminare le problematiche generate tra gli inquilini dalla grave e perdurante situazione di crisi economica presente nel Paese, al fine di individuare le situazioni di maggior disagio e conseguentemente definire criteri e nuove agevolazioni ad integrazione degli accordi vigenti in grado di alleviare le difficoltà con le quali sono costrette a fare i conti gran parte dell’inquilinato.

Il confronto ha portato a raggiungere un Accordo che si è tramutato nella Nota integrativa sottoscritta in data 22 maggio 2013 di cui sopra.

In allegato il Comunicato congiunto ENPAM/OO.SS. degli inquilini

La FEDER.CASA per la dismissione ENPAM

La FEDER.CASA per la dismissione ENPAM - FEDER.CASA ROMA

 

La FEDER.CASA per assistere i propri iscritti al fine di poter acquistare il proprio immobile, si è convenzionata con la Cooperativa Edilizia TORINO 70.

Premesso che

-         la vendita degli immobili avverrà per interi fabbricati, intesi da cielo a terra, riconoscendo un diritto di prelazione all’acquisto a favore dei soggetti giuridici collettivi costituiti dai conduttori dei medesimi immobili;

-         nel predetto accordo è stabilito che la FONDAZIONE ENPAM si riserverà di scegliere il soggetto acquirente seguendo criteri di capacità rappresentativa, di tutela degli inquilini nonché di capacità economicadel soggetto proponente;

Considerato che

la FEDER.CASA, al fine di garantire gli interessi economici dei propri inquilini assegnatari iscritti, dopo una puntuale e attenta verifica dei requisiti di onorabilità e di capacità professionale e finanziaria, ha individuato nella COOPERATIVA EDILIZIA TORINO 70 – Società Cooperativa, il soggetto giuridico collettivo da proporre agli inquilini assegnatari quale mezzo a favore del quale perfezionare le vendite, obbligandosi la Cooperativa nei confronti della FONDAZIONE ENPAM all’acquisto degli immobili e consentendo agli inquilini conduttori di esercitare il loro legittimo diritto d’opzione all’assegnazione delle unità immobiliari dagli stessi condotte in locazione;

Per quanto premesso e consideratosi garantirà agli iscritti della FEDER.CASA lo svolgimento delle seguenti attività per i seguenti ambiti operativi:

-         Riconoscere, ai soli conduttori con contratto di locazione valido e in regola con i pagamenti, il diritto d’opzione all’acquisto delle singole unità immobiliari dagli stessi condotte in locazione, costituenti il compendio in vendita;

-          Consentire che il diritto d’opzione all’acquisto sia esercitato da parenti ed affini del conduttore, fino al 4° grado, incluse le situazioni di convivenza accertate prima del 25 gennaio 2012;

-         Consentire lo scambio di appartamenti tra acquirenti dello stesso immobile o del complesso immobiliare, su base consensuale e reciproca;

-          Favorire l’accesso del conduttore al mutuo a condizioni favorevoli;

-         Provvedere al frazionamento dello stabile affinché ogni inquilino assegnatario possa sapere il prezzo di acquisto del proprio immobile condotto in locazione, al fine di espletare il diritto di opzione;

-          espletamento di tutte le attività relative a ogni singola unità immobiliare acquisita;

Tali servizi saranno assicurati anche a cooperative di inquilini già costituite, le quali potrannno aderire al Consorzio, continuando così la loro l'attività fino al raggiungimento dello scopo statutario.

Per informazioni e/o incontri potete contattarci ais eguenti recapiti:

06/78851344 - 06/78349908 - fax 06/78851389 - info@feder-casa.it

CAF CONFSAL Feder.casa

Centro Assistenza Fiscale

Patronato INPAS CONFSAL

Patronato INPAS CONFSAL

FESICA CONF.S.A.L.

FESICA Confsal Roma

UPPI Unione Piccoli Proprietari Immobiliari

UPPI

Archè Psicoterapia e Valutazione Psicologica

Archè Psicoterapia e Valutazione Psicologica
FEDER.CASA ROMA

Sito Nazionale della FEDER.CASA CONFSAL

FEDER.CASA ROMA